La CRF450R vanta un ulteriore aumento della potenza e della coppia massima su tutto il regime di erogazione. Tra le novità assolute il Launch Control HRC e un nuovo manubrio Renthal Fatbar, mentre una serie di elementi migliorati ne amplificano la resistenza all’uso più intenso, anche agonistico. Infine, telaio e ciclistica si avvalgono di un set-up delle sospensioni perfezionato e di una riduzione di peso attingendo a numerosi componenti di dettaglio.

Introduzione
Fin dalla sua introduzione nel 2002 la Honda CRF450R ha coniugato la fruibilità della potenza al massimo controllo, definendo il concetto di “equilibrio” dal punto di vista del pilota. Permettendo sia ai professionisti che agli amatori di trarre contemporaneamente il meglio da sé e dalla moto, si è imposta come modello di riferimento per affidabilità, prestazioni globali e qualità costruttiva.

Oggetto di un’evoluzione continua, frutto del costante impegno nelle competizioni mondiali ai massimi livelli, la CRF450R è stata quasi completamente riprogettata nel 2017, sfoggiando un motore più potente, un telaio riprogettato e una ciclistica ridisegnata che hanno determinato un’aderenza e una trazione da riferimento.

Il totale rinnovamento le donava anche un look immediatamente riconoscibile e, una volta in pista, anche feeling e performance si sono rivelate sensazionali. L’anno successivo, con una così eccezionale base tecnica, per il model year 2018 è stata sufficiente l’adozione dell’avviamento elettrico di serie (optional sulla 2017) con una leggera batteria agli ioni di litio.

La ricerca dell’eccellenza, si sa, nelle competizioni non conosce sosta, e così per la nuova CRF450R 2019, direttamente dall’esperienza del team ufficiale HRC del Mondiale, arrivano ulteriori migliorie, per far sì che la CRF450R resti il  riferimento per i piloti professionisti e amatori.

Panoramica del modello
La capacità di scattare per primi dal cancelletto e segnare tempi strabilianti sul giro è stato l’aspetto più importante negli due anni di storia di questo modello. Eppure, per la nuova CRF450R 2019, le prestazioni aumentano ancora, con molta più potenza e coppia, grazie alla messa a punto di testata, aspirazione e scarico di derivazione ufficiale HRC, senza tuttavia sacrificare la trattabilità e la trazione ai regimi bassi e medi.

È stato adottato il Launch Control HRC, che può funzionare secondo tre modalità, per far sì che qualunque pilota, dal principiante all’esperto, possa scattare sempre per primo dal cancelletto. C’è poi ora un sensore di cambio marcia che consente alla centralina di attuare mappe di accensione specifiche per ogni rapporto, mentre l’impianto di  alimentazione PGM-FI è stato impostato per iniettare il carburante due volte per ciclo. Inoltre, la pompa dell’olio ha una capacità maggiorata e la frizione ha un attuatore e un piatto spingidisco riprogettati.

Il telaio a doppio trave in alluminio è rimasto sostanzialmente immutato, ma è più leggero, come anche il forcellone. Una nuova pinza freno anteriore riduce ulteriormente il peso. La forcella Showa da 49mm presenta aggiornamenti per quanto riguarda l’olio e le impostazioni delle molle e dello smorzamento idraulico, mentre per l’ammortizzatore i progettisti sono intervenuti con un processo definito “Super Finish” e la revisione del rapporto del leveraggio Pro-Link.

Il nuovo manubrio biconico Renthal Fatbar è regolabile su quattro posizioni avanti/indietro, su/giù.

CRF 450R 2019